Scopri il percorso

Escursionismo in Langa

Guarda il filmato

Italiano English German

Bar To BarL'itinerario delle Langhe


L’itinerario BartoBar si snoda nelle Langhe, andando dall’area del Barbaresco a quella del Barolo passando per l’Alta Langa, per una lunghezza complessiva di 124 km suddivisi in sette tappe. Si tratta di territori che offrono risorse enogastronomiche, naturalistiche e culturali da scoprire girovagando, “andando per Langa”, come si dice da queste parti. La Langa del Barbaresco è la parte più orientale del territorio e si snoda da Alba in direzione delle colline astigiane del Moscato, con splendide balconate che guardano il vicino Roero. È la zona di produzione del Barbaresco, grande e nobile vino di territorio, e comprende i comuni di Barbaresco, Neive, Treiso, oltre San Rocco Seno d’Elvio, frazione di Alba.
Colline vitate che si estendono a perdita d’occhio, interrotte dalle erosioni calanchive dalle Rocche e dal fiume Tanaro, che divide in due Langhe e Roero. I Borghi, arroccati sulle sommità delle colline, rappresentano veri e propri gioielli ricchi di arte e cultura che, mischiata al profumo del vino, regalano emozioni senza tempo. Le Langhe del Barolo sono contenute in una piccola striscia di terra che si estende a sud di Alba, il cui polo culturale è il paese di Barolo, luogo d’origine del “re dei vini”. Il paesaggio collinare è un susseguirsi di dolci pendii, coltivati a vite, i cui filari disegnano rigorose geometrie. Sulle cime delle colline sono arroccati numerosi castelli e fortezze medievali, quali i castelli di Serralunga, di Barolo, di Roddi, di Castiglione Falletto, di Grinzane Cavour, già residenza dello statista e produttore di vini Camillo Benso, conte di Cavour. L’Alta Langa si trova nella zona di confine con la Liguria e rappresenta la parte più selvaggia e impervia del territorio. Le colline, troppo alte per permettere la coltivazione della vite, sono caratterizzate da noccioleti, pascoli e boschi. Oltre ai grandi vitigni, noti in tutto il mondo, queste terre vantano un’importante tradizione gastronomica, che affonda le sue radici nei contrasti tra la povertà contadina e l’agiatezza borghese. Il prodotto d’eccellenza è certamente il tartufo bianco, preziosissimo fungo ipogeo che in quest’area presenta le migliori caratteristiche organolettiche, determinate dalla particolarissima combinazione di clima, caratteristiche del suolo e vegetazione. Un ottimo modo di assaporarlo è servirne qualche scaglia sull’uovo fritto in padella, ma accompagna anche pietanze quali la fonduta, i tajarin o la carne cruda battuta al coltello. Molti altri sono comunque i piatti tipici della tradizione: il vitello tonnato, la lingua in salsa, le acciughe al verde, gli agnolotti del plin, il bollito misto, il fritto misto

Il percorsoRichiedi informazioni

Contact Form

Cosa fare, cosa vedereHotel, Agriturismi, Ristoranti, Monumenti

Strutture

Cosa vedere

Eventi

Contatti

Unione di Comuni
"Colline di Langa e Barolo"
P.zza Umberto I, 2
12065 Monforte d'Alba (CN)